fbpx
Logo-Pummare-pizzeria-napoletana-roma-prati-3
wi-fi free zone

Le castagnole: dolce del Carnevale dalla storia antichissima

Le castagnole: un solo nome, mille varianti

Martedì grasso cambia ogni anno ma i dolci della tradizione rimangono sempre gli stessi, accompagnando i nostri periodi di festa ed imbandendo le nostre tavole di squisitezze dalle storie antichissime.

Non fanno eccezione le castagnole – dette anche favette o tortelli – dolce di Carnevale diffuso in tutta Italia, deliziose grazie ad un impasto fatto a palline e fritto dorato in olio bollente.

Servite in mille varianti, e dai nomi più disparati: cenci in Toscana, bugie in Liguria, sfrappole in Emilia, chiacchiere al centro-sud. Con o senza zucchero a velo, cosparse di miele, semplici o fatte al forno.

Martedì grasso-Carnevale–dolci della tradizione–castagnole–PummaRe–gastronomia italiana

Le origini delle castagnole. Mangiate a corte nel Seicento.

Quale che ne sia la variante, la loro ricetta base è antichissima ed immutabile: il loro nome, che si deve al frutto del castagno, si ritrova nei ricettari del Seicento dei D’Angiò e in quelli dei primi del Settecento dei Farnese.

Servite nelle grandi corti del passato, anche nella più leggera variante al forno, sono assaporate da grandi e bambini dalla fine delle feste natalizie fino al mercoledì delle ceneri. Le varianti regionali riguardano per lo più decorazioni e farciture, mentre gli ingredienti base sono sempre gli stessi: uova, zucchero, farina, burro e lievito cui si aggiungono scorze di agrumi, liquori aromatici o essenza di vaniglia.

Provale in tre varianti da PummaRe: al cioccolato, con crema o salsa all’amarena.

Croccanti fuori e morbide dentro, possono essere semplici oppure farcite con ricotta, crema pasticcera o al cioccolato.

Per festeggiare insieme il Carnevale, noi di PummaRe abbiamo cercato di soddisfare i gusti di tutti.

Così, le nostre castagnole, potranno essere accompagnate – a scelta – da crema al cioccolato, crema pasticcera o salsa all’amarena.

About the Author
FEDERICA POMPA Classe 87, wonderluster, mangiatrice di libri e di dolci. Da sempre con le mani in pasta, scrivo, lavoro e vivo per la cucina da quando ho deciso di trasformare i miei sogni nel mio pane quotidiano.

Leave a Reply

*

captcha *